VISTA SELVAGGIA

Giovedì 7 Dicembre alle ore 18,00
la libreria Linea 451 ha il piacere di ospitare Valerio Erranci per la presentazione del suo libro:

VISTA SELVAGGIA

di Valerio Erranci, Casa Editrice L’Erudita Editore

Ci guiderà nella presentazione il giornalista e musicista Alessandro Anselmo, che scrive per il bisettimanale Il Monferrato, collabora con Torino Oggi e PiemontePress ed è anche il frontman dei Folsom Brothers.
Oltre a presentare il libro, Alessandro Anselmo, accompagnerà le letture con un sottofondo di chitarra acustica blues.

Il libro
Un flusso ininterrotto di considerazioni, pensieri, riflessioni, immagini ed emozioni; l’ossessione per il sesso e per le ragazze il cui nome comincia per “m”; e poi i viaggi in bici, in treno, in aereo dal Piemonte alla California, dalla route 66 alla scintillante Las Vegas.
Vista selvaggia è un diario anticonvenzionale, è la necessità di ricordare per prendere atto di quanto nella vita non è andato come previsto, è il desiderio di catarsi per riuscire, finalmente, ad andare avanti.
Valerio Erranci, con una lingua contaminata dall’inglese e dal napoletano, ripercorre episodi di vita del suo giovane protagonista che con cruda filosofia deve mettere in discussione le infantili convinzioni per raggiungere l’ideale di libertà cui aspira.

Annunci
Pubblicato in eventi | Lascia un commento

IL DISOBBEDIENTE

Sabato 25 Novembre alle ore 18,00
la libreria Linea 451 ha il piacere di ospitare Andrea Franzoso per la presentazione del suo libro:

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso, Casa Editrice PaperFIRST Edizioni (società editoriale Il Fatto Quotidiano).

A guidarci alla scoperta del libro sarà GIUSEPPE LEGATO, giornalista del quotidiano La Stampa.

Il libro
Che cosa succede se un dipendente decide di non volgere lo sguardo altrove quando si accorge che il capo della sua azienda ruba? Se di fronte al dilemma: salvare la propria carriera o la propria coscienza, opta per quest’ultima?
Nel febbraio 2015 Andrea Franzoso, all’epoca funzionario dell’internal audit di Ferrovie Nord Milano, scopre che il suo presidente utilizza denaro pubblico per i propri interessi. Fra le spese folli c’è veramente di tutto: materiale porno, viaggi, abiti firmati, poker online, oltre 180 mila euro di multe accumulate da suo figlio con l’auto aziendale. Ma ci sono anche tre quadri per l’ex presidente della Regione Lombardia, una stampa antica per il comandante dei carabinieri, consulenze a politici amici, e così via. Franzoso segnala il tutto internamente, ma gli dicono: «lascia stare». Decide di andare alle forze dell’ordine e presenta un esposto. Parte allora un’inchiesta della procura di Milano per peculato e truffa aggravata: il presidente è costretto a dimettersi ed è rinviato a giudizio.                              Andrea Franzoso, invece, subisce ritorsioni e un trasferimento in un altro ufficio, senza più alcun compito di controllo. Attorno a lui si fa il vuoto: i colleghi gli voltano le spalle e lo evitano. Infine, perde il lavoro.                                                                                                        Questo libro è il racconto di quella vicenda, con una riflessione sul senso di quella scelta e sulle questioni che ne discendono: vale la pena essere onesti?                                        Prefazione di Gian Antonio Stella. Postfazione di Raffaele Cantone.

Pubblicato in eventi | Lascia un commento

AGENZIA PERTICA

Giovedì 16 novembre 2017 alle 18.30
Nei locali di Corso San Maurizio 47 la libreria Linea 451 e Da Emilia hanno il piacere di ospitare Luca Ragagnin per andare a scoprire il suo ultimo libro:

AGENZIA PERTICA

di Luca Ragagnin, Casa Editrice Miraggi Edizioni.

“Chi meglio di Domizio Pertica, uno scrittore fallito in ottimi rapporti con l’alcol,
potrebbe accompagnarci in un’avventura letteraria fatta di giravolte degne di Bolaño e dello spirito praghese alla Ripellino?
Basta vedere il Programma, la tavola dei contenuti, altrove detta Indice, per farsene un’idea geografica nel senso mentale.”

Il libro
Domizio Pertica, è uno scrittore fallito. Ci ha provato in tutti i modi, cambiando generi, stile, forme letterarie, ma non ce l’ha mai fatta.
Ha saltabeccato da un editore all’altro, ha provato ad auto pubblicarsi, ha persino dato alle stampe un libro di pagine bianche, nella speranza di fare il botto con un’opera che non stancasse il lettore.
I pochi lettori, disorientati, l’hanno abbandonato; gli editori si sono stancati di vederselo piombare in redazione con una bottiglia di vodka nella tasca della giacca e l’improperio in bocca; i critici hanno fatto a gara a chi riusciva a deriderlo meglio.
Così, un giorno, di punto in bianco, Pertica decide di mollare tutto: secondo lui, l’Italia culturale non merita la sua arte.
Un giorno, in un bar di dubbia fama, conosce Venus Diomede, una bionda mozzafiato praghese, approdata a Torino con Zappa, la sua merla indiana parlante, amante del vino boemo, se ne innamora e decide con lei di aprire un’agenzia investigativa.
E i clienti? Ma i delinquenti in cerca di alibi, naturalmente.

L’autore
Luca Ragagnin (Torino, 1965) è uno scrittore e paroliere italiano.
Incomincia a scrivere racconti e poesie nei primi anni 80 e a pubblicare su rivista all’inizio dei 90. Nel 1992 il testo teatrale Eclisse del corpo viene rappresentato a Torino e a Bologna presso il Teatro di Leo de Berardinis.
Dal 1994 collabora come paroliere con musicisti di varia estrazione.
Nel 1995 vince il Premio Montale per la poesia con una silloge inedita, letta nello stesso anno da Vittorio Gassman nel ciclo televisivo Cammin leggendo e pubblicata l’anno successivo dall’editore Scheiwiller.
Nel 1996 viene invitato al Festival Internazionale di Poesia di Bar, in Montenegro, e un’antologia di sue poesie viene tradotta in serbocroato.
Collabora con quotidiani e riviste di vario genere e, dal 1998 al 2003, ha tenuto una rubrica fissa su Duel, mensile di cinema e cultura dell’immagine.
Nel 2007, insieme a Enrico Remmert, adatta per ii teatro il libro Elogio della sbronza consapevole. Lo spettacolo viene portato in tournée in Italia e in Francia da Assemblea Teatro.
Nel 2009, sempre con Enrico Remmert, scrive 2984, testo teatrale ispirato a 1984 di George Orwell. Lo spettacolo debutta al Festival delle Scienze di Genova con la regia di Emanuele Conte e la produzione del Teatro della Tosse.
Nel 2011 collabora alla stesura di Operetta in nero, testo teatrale scritto e musicato da Andrea Liberovici e scrive, con Michele Di Mauro, Alla fine di un nuovo giorno,
spettacolo commissionato da Torino Spiritualità e portato in scena dallo stesso Di Mauro e dal compositore messicano Murcof.
Nel 2012 scrive per Lella Costa Elsa Shocking, monologo basato sull’autobiografia di Elsa Schiaparelli Shocking Life,che va in scena il 20 ottobre al Teatro Carignano di Torino.
Nel 2014 scrive per Angela Baraldi lo spettacolo The Wedding Singers, che debutta al Teatro della Tosse di Genova, con la regia di Emanuele Conte.
Le sue poesie sono tradotte in Francia, Svizzera, Portogallo, Polonia, Romania e Montenegro.
È autore di romanzi (Marmo rosso, Arcano 21), racconti (tra gli altri, Pulci e Un amore supremo), testi teatrali (Misfatti unici, Cinque sigilli) e poesie (tra le altre, le raccolte Biopsie e La balbuzie degli oracoli) e testi di canzoni
(tra gli altri, per Subsonica, Delta V, Serena Abrami e Antonello Venditti).
Con Miraggi ha pubblicato il volume di racconti Musica per Orsi e Teiere, il saggio Capitomboli e,«Salgariprivato» e «Fiodor», di cui è autore di tutti i testi.

Pubblicato in eventi | Lascia un commento

ALBERTA MARI

Venerdì 27 ottobre 2017 alle 18.30
la libreria ha il piacere di ospitare l’inaugurazione della mostra della pittrice:

ALBERTA MARI

Una selezione dei suoi lavori sarà esposta in libreria fino alla fine di novembre.
Seguirà rinfresco.

L’artista
Artista della pittura, Torinese di adozione nasce negli anni ’50 da genitori pugliesi, fin dalla prima giovinezza ha dimostrato una certa predisposizione all’arte e alla pittura.
In età scolastica ha iniziato ad esprimere le sue doti ed i suoi sentimenti con l’arte e dall’infanzia ad oggi ne ha fatto la sua forma di comunicazione.
Autodidatta, non ha mai frequentato scuole d’arte, l’unica scuola è stata la passione per la pittura e la voglia di sperimentare materiali, colori, tecniche e forme d’arte.
Specializzata nell’utilizzo dei colori ad olio, Alberta Mari dipinge su supporti di varia natura, dalla tela al cartone, dal tessuto alla masonite.
Come lei stessa sostiene, “tutto può essere dipinto”
Pittrice molto versatile, utilizza quasi sempre colori forti e pieni, nei suoi dipinti sono ricorrenti il rosso e il blu stesi con pennellate intense che raccontano una storia, a volte con precisione e a volte senza una precisa tecnica.
Ci sono molti modi per raccontare storie, ogni individuo utilizza il metodo che ritiene più comunicativo, Alberta Mari racconta e si racconta attraverso i suoi dipinti.

Pubblicato in eventi | Lascia un commento