PICA! PICA! PICA! La ragion d’essere del pugile

Mercoledì 14 marzo 2012 alle 19,
La libreria ha il piacere di ospitare Roberto Dassoni per la presentazione del suo documentario:

PICA! PICA! PICA! LA RAGION D’ESSERE DEL PUGILE

IL DOCUMENTARIO
Quello della boxe è un mondo fatto di fatica, sudore, lividi, allenamenti estenuanti, pugni in faccia, che nel corso degli anni ha trovato nel cinema memorabili rappresentazioni. Quando Tonino Bussandri, produttore, ha proposto a Roberto Dassoni, videomaker piacentino, di girare un film sul pugilato, la reazione è stata quanto meno di perplessità verso un ambiente maltrattato da pregiudizi legati alla violenza. Dassoni veniva da una serie di esperienze legate al mondo dell’arte e della cultura, lontane anni luce dallo sport ed in particolare dallo sport di combattimento. Ma ha deciso comunque di verificare con mano quello che era l’abiente della boxe, iniziando a frequentare la palestra Salus et Virtus di Piacenza, una tappa obbligata per questa disciplina. Da lì una serie di suggestioni olfattive, sonore, visive e soprattutto umane hanno fatto sì che si generasse come risultato un bel documentario di oltre mezz’ora intitolato “Pica! Pica! Pica! La ragion d’essere del pugile”.
“La mia telecamera – dice Roberto Dassoni – di solito provoca imbarazzi e pudori ma qui la fatica dell’allenamento toglie ogni posa e le persone appaiono per quello che sono in quel momento, non per quello che fanno nella vita. Nonostante le urla, gli sputi, il sudore e il gesto assolutamente allontanante del pugno mi sono sentito nello stesso tempo attratto e accolto. Così ho pensato di iscrivermi regolarmente e iniziare l’allenamento come tutti gli altri. Conoscendo così da vicino queste persone, non solo per lavoro né tantomeno per moda, ho visto ragazzi e ragazze molto differenti dallo stereotipo del pugile montato e monocorde che in fondo volevo sfatare con questo video. Quindi ho lavorato dall’interno, cogliendo con la telecamera il momento nella sua estemporaneità e spontaneità, senza mettere in scena o preparare i protagonisti. L’audio è spesso quello grezzo e diretto dell’ambiente della palestra. Il documentario ha preso poi una forma corale e viene portato avanti per tematiche diverse da persone diverse.”
Si alternano storie di varia umanità, di rapporti parentali problematici che portano a creare un secondo nucleo famigliare in palestra, di violenza repressa che si sfoga sul sacco da allenamento e sfocia in importanti risultati agonistici. Ogni storia ha una faccia che la racconta davanti alla telecamera. Ogni storia serve a sfatare i preconcetti sul pugilato e a mostrarlo al pubblico per quello che dovrebbe essere e che in realtà è, cioè la “nobile arte”.
Si alternano storie di varia umanità, di rapporti parentali problematici che portano a creare un secondo nucleo famigliare in palestra, di violenza repressa che si sfoga sul sacco da allenamento e sfocia in importanti risultati agonistici. Ogni storia ha una faccia che la racconta davanti alla telecamera. Ogni storia serve a sfatare i preconcetti sul pugilato e a mostrarlo al pubblico per quello che dovrebbe essere e che in realtà è, cioè la “nobile arte”.
Il dvd contiene alcuni contenuti speciali, come l’overlay video di opere del pittore Paolo Maini “Pugni chiusi”, montate sulle note dell’omonima canzone ri-arrangiata ed eseguita da Matteo Sperandio & Q-Artet.
Le musiche del film invece sono state affidate al producer e dj di Londra Massimo Braghieri.

IL REGISTA – ROBERTO DASSONI
Dopo la Laurea a Milano sono diventato giornalista pubblicista specializzandomi nella produzione di format televisivi per l’emittente locale Telelibertà, insieme a Barbara Tondini.
Tornato in Italia nel 2000 da Los Angeles, dove ho trascorso un periodo di formazione e dove mi reco regolarmente per ispirazione e “aggiornamento”, ho iniziato l’attività di produzione video, appoggiandomi all’agenzia VBM Comunicazione dove ho il mio studio, in via Sopramuro 48, a Piacenza.
Dal 2003 ho creato e curato per il Comune il concorso nazionale per Videomakers LOCATION PIACENZA.
Ho diretto spot televisivi  e video aziendali (clienti: Bayer, Cantina Valtidone, MIT Equal Bologna, Formec Biffi, Emilcotoni) ma sono specializzato nei documentari culturali  e d’arte. Ho prodotto anche molti video per la promozione turistica del territorio, per il Comune e la Provincia di Piacenza, oltre che per l’agenzia di incoming Piacenza Turismi.
Come fotografo lavoro con la pellicola e nel 2009 ho esposto presso il Laboratorio delle Arti di Piacenza il progetto JENIFER, Oracolo Automatico #1. Sempre con lo stesso tema ho vinto il contest Diesel “More than Zero” con il video BabyDoll realizzato interamente con fotografie. Dal 2009 al 2011 ho gestito la programmazione relativa alla fotografia e al video della galleria Biffi Arte, curando tra l’altro le mostre di Franco Fontana, Gianni Croce, Dido Fontana, Stefania Bonatelli, Marco Introini.

INFO:
www.ro-ba.com
roberto@ro-ba.com

IL FILM E’ DISPONIBILE SU RICHIESTA O VISIBILE IN DIGITAL STREAMING:
http://vimeo.com/album/1739991

Annunci

Informazioni su linea451

siamo una libreria indipendente
Questa voce è stata pubblicata in eventi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...