DESERTI DI PIETRA

Sabato 11 dicembre 2010 alle 19,
vi aspettiamo per l’inaugurazione della mostra fotografica di

Silvio Zangarini

DESERTI DI PIETRA
(a seguire buffet vegano a cura di Chiara Manganelli)

“Deserti di pietra” è un viaggio attraverso una Torino magica, esoterica e selenitica.Silvio Zangarini ci conduce in un universo onirico fatto di luci e ombre, di ciottoli e strade, di suggestioni emblematiche e misteri seducenti.
Il sorprendente equilibrio compositivo delle sue opere non è mai statico, bensì estremamente dinamico; è frutto di una doviziosa ricerca stilistica e di un raffinato gusto estetico, e sgorga da un fermento vibrante e vitale, accompagnato da un’armonia primordiale e perfetta che sa svelare la bellezza contenuta in nuce in tutte le cose, carpita dall’occhio dell’artista nel momento in cui essa si palesa.

Le sue fotografie, se guardate in modo frettoloso e superficiale, potrebbero apparire come mere riproduzioni tout court di alcune piazze di Torino, e invece racchiudono un livello di lettura molto più sottile e profondo: si addentrano nelle viscere di questa città ambivalente e affascinante riuscendo a cogliere la sua essenza nascosta.

Zangarini usa il linguaggio apparentemente ortodosso delle immagini e lo rimpasta, lo plasma con la materia impalpabile di cui sono fatti i sogni, facendosi aedo di una semiologia del tutto personale e originale, che parte dal mondo fenomenologico per raccontare i misteri affondati nei territori segreti dell’anima umana. Un viaggio duplice, quindi, non solo urbano e tangibile ma anche individuale e trascendente, che si snoda alla ricerca di se stessi nel mondo, in virtù di un rapporto inscindibile con lo spazio fisico che la nostra anima abita, ma che oltrepassa la realtà transeunte per avventurarsi altrove, dove non esistono né spazio né tempo, in un luogo sospeso e surreale.

Lo scatto della sua macchina fotografica, fermando l’attimo, ne sottolinea sia la sua intensità unica, eterna e irripetibile, sia il suo inesorabile fluire verso uno spazio temporale e mentale che ancora deve compiersi, e che attende altri attimi affinché l’ordito sfaccettato di una storia possa essere tessuto.

“Deserti di pietra” è dunque uno splendido encomio alla bellezza elegante e notturna di Torino, ma anche e soprattutto alla bellezza che appartiene a ognuno di noi, alla vitalità e alla curiosità che ci permettono di ritrovare l’Ulisse che dimora dentro la nostra anima. Il viaggio è un istinto ineludibile e ontologico, così come è ineludibile l’intrinseca dicotomia tra movimento e stasi, che ci spinge, da una parte, a dispiegare le vele per andare alla ricerca di ciò che è ignoto e anagogico, e, dall’altra, a custodire e preservare un porto a cui poter attraccare, un’Itaca a cui poter fare ritorno in caso di burrasche e tempeste, perché il senso della nostra identità è sempre indissolubilmente ancorato a tempi e a luoghi, e si può partire solo sapendo che si può tornare da qualche parte per ritrovare qualcosa.

 

Silvio Zangarini

Sono sempre stato attratto dalla fotografia, forse perché da piccolo vedevo mio padre scattare foto, anche se lui la considerava, molto più di me, una scienza esatta. Da lui ho appreso i primi rudimenti e ho capito che per me la fotografia doveva essere tutt’altro che una questione tecnica.
Mi considero fondamentalmente autodidatta: oltre ad un corso di camera oscura e uno stage presso lo studio di una fotografa tedesca in Germania, ho sviluppato le mie competenze da solo. Dapprima mi sono cimentato nelle attività “da camera oscura” in un piccolo laboratorio domestico; poi, con l’avvento del digitale, ho deciso di sfruttare le possibilità creative concesse dalle nuove tecnologie.
Molto importante per me è il caos, inteso come fulcro di ogni creazione ben riuscita. Solamente a partire dalla caoticità si può generare un ordine equilibrato.
Con le mie opere vorrei riuscire a comunicare il senso di meraviglia, di stupore, di magia, di mistero che mi spinge a premere il pulsante di scatto.
Nel mio curriculum ci sono diverse mostre, attraverso le quali ho esplorato dapprima il mondo naturale; dopo di che la mia attenzione si è spostata verso il mondo dei viaggi e delle culture locali. Oggi, con l’ultima mostra personale intitolata “Deserti di pietra”, sto sperimentando l’incontro fra fotografia d’architettura e problemi relativi alla socializzazione.

E-mail: silviozangarini@ymail.com
Mobile: 3495309503
http://silviozangarini.wordpress.com/

Annunci

Informazioni su linea451

siamo una libreria indipendente
Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...